Milano Pride, su Facebook gli auguri di Madonna

Mentre in Italia le icone gay si riscoprono devote omofobe (citofonare Cuccarini), negli States prendono sul serio il ruolo delle paladine della comunità LGBT. È una delle parole che fa rima con icona gay è Madonna.

Ed è per il Gay Pride di Milano che arriva l’augurio che non ti aspetti: la regina del pop infatti ha mandato, tramite Facebook, le sue felicitazioni per la parata meneghina in difesa dei diritti dei gay. .

Annunci

Roma Pride 2015: si parte il 7 Giugno con il Park, il 13 la Parata.

Non aprirà la stagione dei Pride cittadini, ma sarà la seconda città a veder sfilare le istanze dell’amore omosessuale: Roma infatti si prepara ad accogliere un’ondata rainbow con la ventunesima edizione del gay pride capitolino.
Si inizia il 7 Giugno, col Pride Park, il consueto spazio di aggregazione in cui si potrà assistere a dibattiti, proiezioni, concerti e spettacoli. L’appuntamento è fino al 12 giugno presso Eutropia – Città dell’Altra Economia all’interno dell’Ex Mattatoio di Testaccio. Sul sito è possibile anche effettuare una donazione.

Ovviamente a chiudere la sei-giorni di eventi sarà la grande Parata conclusiva di Sabato 13 Giugno. Tante la associazioni che parteciperanno, tra le più famose il Mario Mieli, DiGayProject, LUISS Arcobaleno, Condividilove e Famiglie Arcobaleno.
Il percorso, ormai solito, prevede l’incontro alle 15.00 a Piazza della Repubblica e si snoderà per il centro secondo questo percorso:

Nelle scorse ore è stata resa nota la madrina dell’evento, la cantante austriaca Conchita Wurst – vincitrice dell’Eurovision Song Contest 2014 – da sempre vicina alle tematiche LGBT: “Oggi abbiamo un movimento agguerrito per la difesa di gay, lesbiche e transgender che ci tiene parzialmente al riparo da violenze e discriminazioni. C’è ancora molto da fare, ma molto si sta facendo.”

#rotocalco del 31.5 – La Casa del GF apre al pubblico, Giorgia diserta RadioItaliaLive e intanto Apple presenta..

Primo appuntamento con le notizie talmente poco rilevanti che forse nemmeno Studio Aperto vi dirà mai. Una selezione accurata di quelle notizie pop di musica, tv, internet che non potete fare a meno di sapere per sembrare gggiovani.

TV – La casa del Grande Fratello apre al pubblico
Si spengono le luci sulla casa più spiata d’Italia (che fa tanto figo dirlo, ma non è assolutamente vero, visto che quest’anno il circo della Marcuzzi è stato superato pure dalle repliche de Il Segreto) ma si riapre la porta rossa! Dal 31 maggio al 22 giugno sarà infatti possibile visitare il terreno di gioco del più longevo dei reality nostrani. 12 euro il costo di ingresso e la possibilità di fotografarsi dentro il confessionale insieme ai protagonisti dell’ultima edizione: a farvi da Cicerone negli studios infatti ci sarà la mai volgare Mia.

TV – Chef Rubio: ‘Bastianich? Meglio che non mi espirmo. Ramsey? Il male della cucina in TV’.
Carica sexy e baffetto da sparviero: sono questi i segreti di Gabriele Rubini, lo Chef Rubio che su DMAX ha da poco iniziato la seconda stagione di Unti e Bisunti, show itinerante alla scoperta dello street food italiano. Nel nuovo late show di Chiambretti il volto ribelle della cucina in TV spara a zero sui colleghi: ‘Gordon Ramsey è stato un genio nel saper cavalcare l’onda, ma cucina non è quello, lui è stato capostipite del male della cucina in tv. Gli chef andrebbero trattati come esseri umani perché tali sono, pieni di difetti e dovremmo osannarli un po’ meno. Cracco? Ha dei bei capelli. Bastianich? Se dovessimo parlare della sua capacità culinaria dovrei assaggiarlo, se devo parlare del modo che ha di comunicare in tv meglio che non mi esprimo’.

MUSICA – Bronchite per Giorgia, niente Radio Italia Live
Torna anche quest’anno l’evento totally free per festeggiare il compleanno del canale all music dedicato alla musica tricolore, il 1 Giugno a Piazza Duomo, Milano, e l’8 in prima serata su ItaliaUno si esibirianno Biagio Antonacci, Elisa, Negramaro, Eros Ramazzotti, un fritto misto di rapper come Fedez e Emis Killa tra ma non la già confermata Giorgia. La pazzesca Todrani, che da qualche giorno ha terminato la leg primaverile del suo Senza Paura Tour è rimasta vittima di una bronchite acuta che ‘necessità qualche settimana di riposo assoluto’ come annunciato dalla stessa su Twitter. Il patron di Radio Italia ha annunciato di averla prenotata già per il prossimo anno. Ma se siete amanti degli svirgolii non rimarrete delusi: la chiusura dello show è affidata agli ululati di Laura ‘Oha Noha’ Pausini.

MUSICA- PSY sfonda il muro dei 2mld di views con Gangnam Style
Psy ha stabilito il record assoluto di visualizzazioni su YouTube con la sua Gangnam Style: il video del brano ha superato i due miliardi di visitatori. Neanche macchine da guerra delle views come Rihanna e Justin Bieber si sono mai avvicinate a tanto, regalando al rapper sudcoreano un record difficile, se non addirittura impossibile, da bissare in tempi brevi. E se il prezzo da pagare è unaltra atrocità del genere, va bene anche così.

SOCIAL – Facebook rilascia le emoticons per la comunità gay.
Come qualcuno di voi saprà giugno è il mese dei pride in giro per il mondo: le comunità gay locali sfileranno per rivendicare i propri diritti in marce colorate e pacifiche in giro per le maggiori città. Un’occasione di festa che Facebook ha voluto onorare con un pacchetto di emoticons speciali da utilizzare nelle conversazioni dentro ‘Messenger’, il servizio di messaggistica istantanea. ‘Pride‘, questo il nome del pacchetto scaricabile gratuitamente, contiene 32 faccine rappresentanti ogni sfaccettatura del mondo gay: coppie lesbo, bisex, anziani, marinaretti, slave-master, fitness-addicet e drag queen.

TECH- Apple, al WWDC 2014 iOS 8, OSX 10.10 e iWatch.
Sono i banner che rivestono il Moscone Center a tradire la segretezza: un immenso 8 campeggia infatti all’interno del luogo scelto per la Conferenza degli Sviluppatori di Apple, l’evento per smanettoni che ogni anno vede la presentazione di tutte le novità software dell’azienda con la Mela. Vedremo quindi sicuramente il nuovo sistema operativo mobile per i dispositivi portatili come iPhone e iPad, il nuovo sistema operativo desktop e laptop 10.10 (che probabilmente verrà compresso in una sola X, come testimoniato da altri banner). La società, fresca dell’acquisizione di Beats Electronics potrebbe anche presentare l’atteso iWatch, l’orologio intelligente di cui neanche ci si ricorda più da quando se ne parla.

Roma Pride 2014: al via la campagna ‘Ci vediamo fuori’

Guardateci bene. Guardateci il viso. Non è quello di chi chiede qualcosa, ma di chi sa cosa ci spetta di diritto. Non il viso di chi è stanco di lottare, ma quello di chi non si fermerà finché la storia non ci avrà dato ragione. Perché lo farà, di questo siamo certi. Perché la storia noi la facciamo tutti i giorni: in famiglia, a scuola, sul lavoro, in piazza. La facciamo sfidando i pregiudizi con l’intelligenza, la gioia, il coraggio. L’amore. Così sappiamo che arriverà un giorno in cui ogni diversità non sarà tollerata, ma celebrata. Ogni genere rispettato, ogni famiglia protetta, ogni individuo tutelato. E quel giorno no, non sarà solo bello poter dire “noi c’eravamo, ci siamo sempre stati”. Sarà molto di più. Sarà giusto. E sarà un vero orgoglio: il nostro”.

È con questo annuncio pubblicato sul sito ufficiale che prende il via, alla vigilia della Giornata Mondiale contro l’omofobia e la transfobia, la campagna di comunicazione del Roma Pride 2014. Sabato 7 Giugno, dalle 15.00, sfilerà per il centro della Città Eterna – con partenza dalla consueta Piazza della Repubblica – la marcia pacifica e colorata della comunità LGBT. Una parata dalla duplice importanza; oltre alla centralità solita di sfilata della Capitale, quest’anno Roma Pride avrà la responsabilità di rappresentare tutto il Paese, rimasto – come ricorderete – senza Pride nazionale. A Febbraio, infatti, durante la riunione torinese di Arcigay, Napoli e Roma non persero occasione di mostrare quanto gli interessi delle associazioni di settore siano sempre stati altri, e finirono al centro di un infuocato scontro su chi dovesse accaparrarsi la ‘bandiera rainbow’, portando ad un nulla di fatto.

La campagna Roma Pride è assolutamente inedita: non più il mondo gay rappresentato come intimorito e remissivo – come sottolinea il Portavoce del progetto Andrea Maccarone – ma determinato e coraggioso: al centro dei character poster (raffiguranti ogni sfaccettatura del mondo arcobaleno, dai bears, ai trans, alle lesbiche, passando per gli etero sostenitori) visi con le guance caratterizzate dei colori della bandiera, assolutamente combattivi, come i richiami di guerra che evocano. Grinta confermata dallo slogan, ‘Ci vediamo fuori‘.
Tutto il piano di comunicazione sarà virale e crescerà col tempo: presenza massiccia sui social, ovviamente, con il lancio di iniziative che vedranno nei prossimi giorni la possibilità di caricare delle ‘selfie‘ col volto dipinto alla stessa maniera delle locandine e un’applicazione apposita per modificare la propria foto profilo di Facebook con claim e altri simboli, e ovviamente un profilo Twitter.